Titolo: Il sistema di guarigione della dieta senza muco (The mucus-less diet healing system).
Scrittore: Arnold Ehret.
Argomenti: salute, alimentazione.
Editore: Juppiter Edizioni.
Anno: 1924.
Voto: s.v.
Dove lo trovi: qui.


Oggi pubblico la recensione di un libro decisamente particolare, che non è narrativa e nemmeno cultura generale, ma che è un testo sull’alimentazione, e che peraltro è un classico, stampato ininterrottamente dal 1920, tempo in cui è stato scritto e ancor prima diffuso tramite conferenze: parlo de Il sistema di guarigione della dieta senza muco di Arnold Ehret, testo che ha generato, unitamente ad altri libri dello stesso autore, una vera e propria disciplina alimentare, chiamata ehretismo in omaggio al nome del suo fondatore.

Il quale, dopo numerosi esperimenti, vi è arrivato sulla scia di una malattia definita incurabile dalla medicina ufficiale, e che invece lui ha fatto scomparire con il solo cambiamento di regime alimentare.

Indirizzandosi verso le cose più semplici e salutari in assoluto: frutta e verdura.

Dopo ciò, sono seguiti numerosi test e verifiche, e la formazione di una teoria di fondo sul corpo umano, sul suo funzionamento e su come tenerlo in perfetta forma, e lontano dalle malattie. Tutto con un cambio di alimentazione… fatto peraltro che sta venendo dimostrato anche da studi recentissimi: si vedano The China study e testi similari.
Ma, a dire il vero, che vi fosse un collegamento tra alimentazione e salute è ovvio, solo un tonto potrebbe ritenere il contrario.

Idem dicasi per il collegamento tra pensieri-emozioni e salute: nuovamente, bisognerebbe essere tonti per pensare che tale collegamento non esista.

Ma torniamo a Il sistema di guarigione della dieta senza muco: il libro è piuttosto breve e si legge con facilità, anche perché non basato su terminologia medica, ma rivolto alle persone comuni.
Esso espone quanto accaduto ad Arnold Ehret, la sua teoria, e i suoi consigli, sia per la dieta “definitiva”, sia per quella “di transizione”, considerata necessaria per ripulire l’organismo dall’immondizia che ci abbiamo messo per anni, ma anche per abituarsi con gradualità al cambio di alimentazione, senza violentarci tutto d’un botto.

Il libro è interessante e ha una sua logica di fondo, che peraltro sembra corroborata dalle migliaia di persone che sono riuscite ad attuare con successo la transizione.
Tuttavia, non esprimo per ora una valutazione per il semplice fatto che non ho esperienza in merito per giudicare. Mi limito dunque a segnalare il libro per coloro che intendessero saperne qualcosa di più sulle idee di Arnold Ehret

Fosco Del Nero


Per rimanere aggiornato con le recensioni di Libri e Romanzi, iscriviti al feed!

Titolo: Michele è… fichissimo!
Scrittore: Ilaria Mazzoli.
Genere: spiritualità, commedia.
Editore: Fabbroni Edizioni.
Anno: 2012.
Voto: 6.
Dove lo trovi: qui.


La settimana passata ho recensito un libro della Fabbroni Edizioni, piccola casa editrice che non conoscevo: si trattava de Il cammino della luce, che mi era piaciuto nettamente, nonostante alcune criticità che ho evidenziato in recensione. 

Questa volta… recensisco il secondo.
Che porta il titolo, assai adolescenziale, di Michele è… fichissimo! 

Nome fedele al tipo di lettura, dal momento che il romanzo breve di Ilaria Mazzoli, ma forse sarebbe più corretto dire racconto lungo date le dimensioni assai contenute, si riferisce proprio a un target molto giovanile, adolescenziale o ancora meno.

I protagonisti sono un gruppo di ragazzini: da Isotta a Tobia, passando per Marta, Paolo, Teresa e Lorenzo, i quali, a cominciare dalla prima, si trovano alle prese con un giovane affascinante e carismatico, tale Michele, che si rivela essere nientemento che… l’Arcangelo Michele
Egli li addestrerà ad essere dei portatori di luce, contrapposti alle cosiddette "realtà distorte", sorta di energie-spiriti negativi.

Il racconto è fresco e gradevole, per quanto piuttosto piuttosto semplice e narrativamente certo non indimenticabile.

Cosa che peraltro non era probabilmente nelle intenzioni dell’autrice, che suppongo piuttosto intendesse rivolgersi, come detto, ai più giovani, bambini e adolescenti, e magari anche agli adulti “correlati”, per contribuire a un nuovo tipo di educazione, più profonda e spirituale e meno materiale, egoistica e competitiva. 
In effetti, tra le cose che emerge è il principio della collaborazione, nonché della limpidezza.

In questo senso, Michele è… fichissimo! di Ilaria Mazzoli è un libriccino valido, simpatico e con degli spunti utili… e che potrà far sorridere anche il lettore di crescita personale più smaliziato. 
Buona lettura. 

Fosco Del Nero


Per rimanere aggiornato con le recensioni di Libri e Romanzi, iscriviti al feed!

Titolo: Il cammino della luce.
Scrittore: Michela Salotti, Paolo Montanari, Roberto Fabbroni.
Genere: spiritualità, fantastico.
 Editore: Fabbroni Edizioni.
Anno: 2012.
Voto: 7.
Dove lo trovi: qui.


Ultimamente Libri e Romanzi sta ospitando molti libri di narrativa con un occhio particolare alla spiritualità, o comunque all’aspetto esistenziale. 

Con la recensione odierna l’elenco si allunga, dato che abbiamo nuovamente il mix tra narrativa e spiritualità: parlo de Il cammino della luce, libro che presenta tre autori, Michela Salotti, Paolo Montanari e Roberto Fabbroni, e quattro filoni narrativi al suo interno.

Esso si muove così tra Atlantide di 35.000 anni fa, il Nord America di 3.500 anni fa, la Francia di 500 anni fa e l’Italia contemporanea… Piacenza, per la precisione.
Va da sé che i quattro filoni troveranno modo di intersecarsi, in modi che ovviamente non esplicito per chi volesse leggersi il libro…

Il testo mantiene per tutta la sua durata un tono da commedia, e pur in presenza di eventi drammatici (mancamenti, uccisioni, etc) non perde il suo tono leggero e positivo, tanto che si legge con piacere e tutto d’un fiato.

Anche perché tutto sommato è breve: le 250 pagine sono difatti piuttosto “larghe”, tanto che con una stampa più classica il libro ne avrebbe avuto probabilmente 160 o 170.

Altra cosa da sottolineare: il testo è pieno di refusi ed errori di spaziatura, e inoltre presenta parecchie ingenuità linguistiche da scrittore esordiente (i troppi puntini sospensivi, dialoghi troppo didascalici per mettere il lettore a conoscenza di certe cose)… insomma, si intravede in diversi punti lo stile “al risparmio” di una piccola casa editrice.

Cose su cui si può sorvolare, comunque, quando si legge un testo gradevole, positivo e coinvolgente come Il cammino della luce di Michela Salotti & company, e che può essere letto sia come romanzo di intrattenimento, sia come testo con parecchi spunti esistenzial-spirituali, nonché con diverse tecniche di crescita personale citate (eft, viaggio sciamanico, regressione ad altre vite, etc).

Insomma, diversi livelli di lettura per Il cammino della luce, libro che a me è piaciuto e che dunque consiglio.
Buona lettura. 

Fosco Del Nero 


Per rimanere aggiornato con le recensioni di Libri e Romanzi, iscriviti al feed!

Argomenti