Titolo: Watson sotto accusa - Sherlock Holmes 4 (The crown vs. dr. Watson).
Scrittore: Gerald Lientz.
Genere: librogame, giallo, investigativo.
Editore: E.L.
Anno: 1988.
Voto: 5.5
Dove lo trovi: nel mercato dell’usato.


Era da un po’ che non leggevo un librogame, ed eccomi dunque qui con il quarto della serie Sherlock Holmes, dopo che avevo letto e recensito i precedenti Omicidio al Diogenes ClubLo smeraldo del fiume nero e Il caso Milverton.

L’autore del libro era quello del primo e del terzo, due ottimi librigame, ossia Gerald Lientz (viceversa il secondo libro della serie era stato deludente), per cui mi attendevo un buon librogame, come gli altri di genere giallo-investigativo.

Il problema, però, è che è troppo “come gli altri”, tanto che si sente un po’ la pesantezza della scarsa originalità, e inoltre questo Watson sotto accusa sembra anche essere meno ispirato dei precedenti due libri di Gerald Lientz.

Ad ogni modo, vediamo la storia del libro, che peraltro è facile intuire fin dal titolo: c’è stato un omicidio in un club inglese (che poi è l’evento di partenza anche di Omicidio al Diogenes Club, a proposito di scarsa originalità), e stavolta l’indiziato sembra essere proprio il Dottor Watson, il celebre assistente del mitico Sherlock Holmes, che peraltro è morto due anni prima e dunque non figura in questo libro.

Più che indiziato, peraltro, Watson sembra proprio essere il colpevole, da quanto sono schiaccianti le prove ai suoi danni.

Spetterà al giovane investigatore formato proprio da Holmes e Watson risolvere l’inghippo e scovare l’assassino dell’uomo d’affari ucciso con un colpo di attizzatoio in testa.

Lo schema del libro è sempre il solito: tra interrogatori e domande, e ovviamente tirate di dati, il lettore metterà da parte indizi, deduzioni e decisioni, fino alla risoluzione del caso… se ci arriva, ovviamente.

Di mio, dico che da un lato la storia è poco originale (possibile che l’autore non abbia trovato nulla di più originale del ripetere una trama già proposta?), da un altro lato è ugualmente un poco stancante il semplice porre domande e tirare i dadi per vedere cosa esce, e infine è deludente anche il finale… o perlomeno quello che ho letto io.

Insomma, nel complesso da Watson sotto accusa e da Gerald Lientz mi attendevo qualcosa di meglio…

Fosco Del Nero


Per rimanere aggiornato con le recensioni di Libri e Romanzi, iscriviti al feed!

Argomenti