Titolo: Gocce di cristallo nero.
Scrittore: Mariarita Cupersito.
Genere: horror, gotico.
Editore: Gds Edizioni.
Anno: 2009.
Voto: 7.
Dove lo trovi: qui.


Gocce di cristallo nero è una raccolta di cinque testi horror dalla forte impronta gotica.
La giovane Mariarita Cupersito, infatti, intesse trame che richiamano alla mente gli scenari tipici di autori quali Edward Frederick Benson o Sheridan Le Fanu, non disdegnando – in taluni casi – di ricorrere a epiloghi in stile Ambrose Bierce.

Siamo quindi alle prese con un’opera che trova nell’orrore classico la sua fonte ispiratrice, sia per quel che riguarda i soggetti trattati che, soprattutto, per il curato stile narrativo.

La raccolta ha inizio con Ossessione, ovvero la storia di un amore impossibile e malato che costringe il protagonista a ridursi in uno stato di schiavitù psicologica. Il racconto, seppur dal soggetto non originalissimo, è gestito molto bene ed è strutturato in modo tale da colpire il lettore con un colpo finale a effetto.

Si passa poi a uno dei migliori elaborati del lotto, cioè In prossimità del bosco.
Ancora una volta, viene proposta al lettore una vicenda che prende le mosse da un amore impossibile per evolvere in un’ossessione che sconfinerà in follia.
Come il racconto di apertura siamo dunque alle prese col binomio amore impossibile/ossessione, tuttavia la vicenda assume toni più drammatici, abbandonando la connotazione esoterica/fantastica che trapelava dal primo testo.

Negli altri tre racconti, invece, l’autrice traccia un profilo assai morboso e cupo delle famiglie nobiliari di un tempo. In questi testi, infatti, ci troviamo al cospetto di personaggi che ricorrono ad atteggiamenti subdoli e mendaci fino a macchiarsi la coscienza con omicidi orchestrati in modo tale da passare per eventi naturali o riconducibili all’intercessione di entità ultraterrene.

Al di là di tali aspetti, poi, è sempre presente il terrore delle deformazioni fisiche ereditarie che paiono perseguitare queste famiglie e incidere negativamente sulla loro integrazione sociale. A fare da collante al trittico di racconti è il classico castello gotico cui si accede in sella a destrieri o a bordo di carrozze.

Scendiamo adesso nel dettaglio.
Ne La Signora Horwood un nobile uomo pare affetto da una strana maledizione: le donne che sposa finiscono tutte con il morire nel giro di pochi giorni.
In Lady Catherine un padre di sangue blu cerca di dare in sposa la figlia a un nobile, ma il tentativo fallisce a causa di un difetto ereditario molto particolare.
Nell’ultimo racconto, La figlia di Lord Douglas, una donna viene condannata a morte per aver concepito un mostro; dietro all’evento però non c’è nessun patto diabolico, ma qualcosa di decisamente più materiale di cui il marito non è a conoscenza.

Per quanto concerne la confezione, il libro si presenta in un formato semplicissimo (le pagine e la copertina non sono rilegate, ma spillate) ma sufficientemente curato, proponendo un discreto rapporto qualità/prezzo.

In conclusione, Gocce di cristallo nero di Mariarita Cupersito è un discreto prodotto per un’autrice alle prime esperienze e che, vista l’indubbia predisposizione, spero saprà togliersi delle soddisfazioni (letterarie) nell’immediato futuro.

Matteo Mancini


Per rimanere aggiornato con le recensioni di Libri e Romanzi, iscriviti al feed!

Argomenti