Titolo: Contratti sacri (Sacred contracts).
Scrittore: Caroline Myss.
Genere: saggistica, esistenza, spiritualità.
Editore: Anima Edizioni.
Anno: 2003.
Dove lo trovi: qui.


Sapete che ogni tanto, oltre alle consuete recensioni, vi propongo anche delle anteprime, e che ogni tanto, oltre ai soliti romanzi (quasi sempre romanzi fantastici), vi propongo anche qualche testo di saggistica.

Oggi si concretizzano ambo le cose, con Contratti sacri di Caroline Myss, testo scritto dall’autrice nel 2003, già best seller negli Usa (come accaduto agli altri suoi libri, sovente tra i best seller del New York Times), e che ora viene importato in Italia e pubblicato da Anima Edizioni.

Il titolo del libro, ma anche il nome dell’editore, fanno intendere piuttosto bene che ci muoviamo tra spiritualità ed esistenza, con l’autrice che peraltro è discretamente nota anche in Italia per precedenti lavori come Guarisci l’impossibile e Archetipi - Scopri chi sei.

Contratti sacri è un libro piuttosto ponderoso, con le sue 500 pagine, dedicato peraltro a un argomento piuttosto “sensibile”: i rapporti tra anima ed anima e gli incontri in questa vita, utili a portare avanti certi rapporti, quelli sanciti da certi “contratti sacri”, per l’appunto…
… ovviamente, il tutto sempre con fini evolutivi.

In tale discorso rientrano gli archetipi e la ruota degli archetipi, i chakra, i maestri, i compagni energetici… e più in generale le energie e gli apprendimenti energetici, che poi sono sempre il motore di tutto.

L’obiettivo del testo è quello di comprendere innanzi tutto che le cose non capitano a caso, a cominciare dagli incontri con le varie persone, e, a seguito di ciò, “sacralizzare” ogni relazione, che sia del passato, magari rivalutandola in tale ottica, sia del presente, per onorare al meglio il “contratto sacro” che c’è dietro.

A chi fosse interessato a una tale lettura esistenziale… buona lettura di Contratti sacri di Caroline Myss.

Fosco Del Nero


Per rimanere aggiornato con le recensioni di Libri e Romanzi, iscriviti al feed!

Argomenti