Titolo: I guerrieri del ghiaccio (A dance with dragons - Book five of a song of ice and fire).
Scrittore: George Martin.
Genere: fantasy, epico, drammatico.
Editore: Mondadori.
Anno: 2011.
Voto: 7.5.
Dove lo trovi: qui.


Libri e Romanzi finora non si è perso un libro di George Martin, l’ormai celeberrimo autore dell’altrettanto celeberrima saga fantasy (nel mentre divenuta anche fortunata serie tv) Le cronache del ghiaccio e del fuoco.


… ossia i nove libri in italiano corrispondenti ai primi quattro libri originali in inglese, visto che la Mondadori, per ricavarci più soldi, ha optato per la bieca scelta di suddividere ogni originale in due o tre libri in italiano. 

Ad ogni modo, i fedeli lettori di George Martin, tra cui il sottoscritto, non si sono lasciati intimorire, e hanno comunque proceduto con la lettura. 
In questo caso, preceduta da una rilettura degli ultimi due libri che avevo letto, giusto per riprendere il ritmo lettura.

Il dominio della regina e L’ombra della profezia hanno così fatto da apripista per le ultime uscite italiane, in primis I guerrieri del ghiaccio, libro che dunque “apre” il quinto romanzo effettivo di George Martin, costituendo la prima delle tre parti italiane.

La guerra per il trono di spade sembra ormai conclusa a favore della casata Lannister, anche se si è trattato di una vittoria ben amara, con tanto di morti eccellenti. Tanto che i movimenti nel continente occidentale e oltre non sono certo finiti, tra le macchinazioni di corte ad Approdo del Re e dintorni, la battaglia alla Barriera di ghiaccio, le ambizioni della coraggiosa Daenerys Targaryen.

Come sempre negli ultimi volumi della saga, ogni libro (italiano) è dedicato ad alcuni protagonisti e punti di vista. In questo caso, abbiamo a che fare con Tyrion Lannister, Daenerys Targaryen, Jon Snow, Bran Stark, Theon Greyjoy, Davos Seaworth.

Quindi, i personaggi che si stanno muovendo ai margini del continente occidentale, se non proprio fuori, mentre il volume precedente si rivolgeva invece ad Approdo del Re e dintorni (Cersei Lannister, Jaime Lannister, Sansa Stark, etc).

Valutazione come sempre alta per George Martin e le sue creature, mezzo punto più o mezzo punto meno, anche se vanno dette tre cose: 
- l’artificiosa suddivisione della Mondadori rende difficilmente valutabile quello che a conti fatti è la metà o un terzo di un romanzo
- a seconda che ti capiti il volume contenente i tuoi personaggi preferiti o quelli che ti piacciono meno il tuo gradimento cambierà notevolmente, 
- se è vero che Le cronache del ghiaccio e del fuoco sono un bel leggere, è pur vero che ogni bella cosa deve terminare, ed è bene che termini all’apice, senza trascinarsi avanti per secoli come fanno alcune serie televisive… o anche alcune saghe letterarie.

In questo senso, a volte si ha un po’ la sensazione che, nonostante la bravura e l’arte dello scrittore americano non siano in discussione, a volte egli la tiri per le lunghe. 
Con tutto che, tra romanzi da scrivere e suddivisioni italiote, mancheranno almeno altri 8-10 libri!

Ad ogni modo, mi sto dicendo questa cosa già da tre-quattro libri, e sono ancora qui a leggere George Martin e ad attendere trepidante il prossimo romanzo, e come me milioni di lettori… un motivo ci sarà… 

Fosco Del Nero


Per rimanere aggiornato con le recensioni di Libri e Romanzi, iscriviti al feed!

Titolo: La mela d’oro (The golden apple).
Scrittore: Robert Anton Wilson, Robert Shea.
Genere: fantastico.
Editore: Shake Edizioni.
Anno: 1975.
Voto: 5.
Dove lo trovi: qui.


Ormai parecchio tempo fa avevo pubblicato la recensione de L’occhio nella piramide, primo romanzo della trilogia de Gli illuminati, scritta negli anni 70 dal duo Robert Shea e Robert Anton Wilson.

Il libro non aveva ricevuto una valutazione entusiastica, e a dirla tutta nemmeno la sufficienza, perché, nonostante argomento e spunti fossero interessanti, la composizione narrativa lasciava parecchio a desiderare.

Tuttavia, trattandosi di un ciclo letterario culto, e sostanzialmente irripetibile, avevo deciso di leggermi anche il secondo romanzo, intitolato La mela d’oro.

Che, purtroppo, mi è piaciuto ancora di meno del suo predecessore.

Sia dal punto di vista meramente letterario (personaggi, dialoghi, struttura narrativa), sia dal punto di vista contenutistico, visto che gli autori sembrano aver mischiato pesantemente le carte, addirittura ribaltando i fronti.

Cosa su cui non aggiungo niente per non rovinare il gusto della lettura per chi volesse leggere La mela d’oro, purtuttavia non posso esimermi da mostrare la mia delusione: speravo che la saga prendesse il volo col secondo volume, e invece esso è risultato meno vivace e interessante de L’occhio della piramide, che peraltro ho riletto per l’occasione prima di procedere col “capitolo due”.

Tanto che ho fatto un poco di fatica a terminare la lettura, nonostante il libro consti di poco più di 200 pagine.

Gusto mio, evidentemente, e i premi e i numerosi fan di cui gode l’intera trilogia parlano altrimenti.
Peraltro, so bene che se si hanno interessi di tipo “cospirazionistico”, questi sono sono libri cui è difficile resistere… e forse proprio per questo avevo alte aspettative, andate in buona parte deluse, come detto.

Ad ogni modo, vedete voi se questo romanzo di Robert Anton Wilson e Robert Shea vi ispira, e nel caso buona lettura. 

Fosco Del Nero 


Per rimanere aggiornato con le recensioni di Libri e Romanzi, iscriviti al feed!

Titolo: La rivoluzione degli smoothies.
Scrittore: Victoria Boutenko.
Genere: alimentazione, saggistica.
Editore: L'Età dell'Acquario.
Anno: 2013.
Dove lo trovi: qui.


Che la salute, intesa sia come assenza di malattia sia come livello di energia, passi da una buona alimentazione, e specificatamente da un’alimentazione povera di carne, pesce, uova e latte, è una cosa su cui ormai convergono studi, statistiche ed esperienza concreta.

Un modo di applicare questa alimentazione al contempo sano e pratico sono i cosiddetti smoothies, sarebbe a dire i frullati di frutta e/o verdura.

Gli smoothies, che in italiano sono chiamati "frullati verdi", sono proprio l’oggetto del libro presentato quest’oggi: La rivoluzione degli smoothies, scritto da Victoria Boutenko, contenente un po’ di teoria ma soprattutto tanta pratica, ossia tante ricette per preparare frullati verdi sani e gustosi.

Il sottotitolo del libro, per l’appunto, è “I frullati verdi per essere sempre sani, in forma e pieni di energia”. 

Grazie ad esso il lettore capirà, se non lo sa già, perché i frullati verdi, e in generale un certo tipo di alimentazione (vegetariana e crudista), fa così bene al corpo dell’essere umano (e ciò che fa bene al corpo ha inevitabili ripercussioni anche su pensieri e tono emotivo), quali sono i principi nutritivi più importanti e come combinarli tra di loro in modo efficace.

Efficace per la salute ma anche, come dicevo, per il gusto.

La rivoluzione degli smoothies si dedica inoltre ai frullati più appetibili per i bambini, per i più “avventurosi”, persino per gli animali domestici (già, se spesso mangiamo schifezze noi, figuriamoci cosa diamo ai nostri migliori amici)… 

… in un libro che è sia didattico, e utile in quel senso, sia pratico, e molto utile in quell’altro.

Nel caso abbiate voglia, buona lettura di quella che alcuni alimentaristi ritengono sia l’alimentazione del futuro. 
E buoni frullati ovviamente. 

Fosco Del Nero 


Per rimanere aggiornato con le recensioni di Libri e Romanzi, iscriviti al feed!

Argomenti