Titolo: Auto-ipnosi.
Scrittore: Erica Francesca Poli.
Argomenti: psicologia, benessere, cd audio, saggistica.
Editore: Anima Edizioni.
Anno: 2014.
Dove lo trovi: qui.


Con il post odierno vi segnalo la recente uscita di un cd piuttosto interessante: il suo titolo è, semplicemente, Auto-ipnosi, ed è stato realizzato da Erica Francesca Poli, psicologa e counselor, già autrice del libro di successo Anatomia della guarigione, la quale utilizza per l’appunto il metodo dell’ipnosi per migliorare la vita delle persone che si rivolgono a lei…

… le quali spesso, dopo le sedute di persona, le hanno chiesto uno strumento indipendente per fare da sole.

Da cui la creazione di Auto-ipnosi, sottotitolo “Anatomia della guarigione - Co-creazione di un cambiamento”, cofanetto contenente due cd della durata di più di un’ora ciascuno.

Ciascun cd contiene svariate tracce, ognuna dedicata a una specifica attività-ambito-sessione: dal rilassamento all’ansia, dalla comunicazione col proprio io interiore alla calma mentale, fino alla gestione del dolore fisico.

Auto-ipnosi, dunque, si pone come obiettivo quello di facilitare il rapporto e la comunicazione con le proprie risorse inconsce, quindi anche al di fuori di un percorso professionale, suggeriti in questo anche dal libretto di accompagnamento che illustra come utilizzare al meglio i due cd.

E quindi come accedere – o perlomeno avvicinarsi – al proprio inconscio per facilitare il cambiamento positivo nella direzione che si desidera.

Da segnalare inoltre che il cd è registrato sui 432 hertz, frequenza che è stato provato essere di beneficio per l’essere umano, fisico e psicologico.
Un altro motivo interessante per provare Auto-ipnosi di Erica Francesca Poli qualora il prodotto vi ispirasse o pensiate possa esservi utile per il rilassamento in generale o per un cambiamento nello specifico.

Fosco Del Nero


Per rimanere aggiornato con le recensioni di Libri e Romanzi, iscriviti al feed!

Titolo: Wizardy - Crea la tua avventura da giovane mago (The book of wizardy – The apprentice’s guide to the secrets of the wizards guild).
Scrittore: Cornelius Rumstuckle/James Herbert Brennan.
Genere: librogame, fantasy.
Editore: Macro Edizioni.
Anno: 2003.
Voto: 7.
Dove lo trovi: qui.


Evidentemente questo è periodo di librogame: dopo i primi due di Oberon (Oberon il giovane mago e La città proibita), ne arriva un altro ancora. 

Questo, però, non appartiene alla mitica serie di E.L. Edizioni, tanto che è piuttosto recente, del 2003, e in Italia è stato pubblicato da Macro Edizioni

… tuttavia, gli appassionati dei vecchi librigame non potranno non riconoscere lo stile vivace e ironico del mitico James Herbert Brennan, autore di svariate serie di librigame, in primis la vivacissima Alla corte di Re Artù.

Difatti, compare proprio il suo nome tra le informazioni del testo, per quanto in copertina campeggi tale Cornelius Rumstuckle, presunto mago e presidente della Gilda dei Maghi, l’iscrizione alla quale è proprio l’obiettivo di questa avventura, in cui chi legge deve decidere cosa fare per raggiungere l’agognato obiettivo.

La curiosità è che in alcuni punti il libro sottopone domande legate a un altro testo, questo di saggistica ma sempre sull’argomento magia (per quanto magia in senso piuttosto giovanil-infantile): Il manuale del giovane mago.

Due libri piuttosto diversi come target, per quanto uniti da questo filo invisibile… oltre che dall’irresistibile umorismo di Brennan, molto british.

Wizardy - Crea la tua avventura da giovane mago è un discreto librogame. Non particolarmente complesso e lungo, dato anche il pubblico non troppo esperto del genere cui si riferisce, ma comunque brioso, simpaticissimo e divertente.

Tanto che mi è praticamente impossibile assegnargli un voto al di sotto del 7... e chi ha apprezzato la serie Alla corte di Re Artù mi capirà perfettamente!

Fosco Del Nero


Per rimanere aggiornato con le recensioni di Libri e Romanzi, iscriviti al feed!

Titolo: La città proibita (The forbidden kingdom).
Scrittore: Ian Page, Joe Dever.
Genere: librogame, fantasy.
Editore: Edizioni E.L.
Anno: 1986.
Voto: 6.5.
Dove lo trovi: nel mercato dell’usato.


Dopo aver recensito Oberon il giovane mago, il primo volume della serie di librogame Oberon, eccoci al secondo volume: La città proibita

Per quanto riguarda l’essenza e la storia dei librigame, rimando alla recensione del libro precedente, mentre questo post sarà dedicato esclusivamente al libro in questione, seguito del precedente, dal quale prende le mosse, cosa tipica del librigame con una trama unitaria, e riprende anche il personaggio che si può portare avanti da libro a libro.

Altre serie, viceversa, erano composte da avventure singole, a sé stanti, quindi giocabili individualmente anche senza aver seguito la serie fino a quel punto.
Cosa peraltro che si poteva fare anche con i singoli libri di serie unitarie tipo Oberon, ma perdendo qualcosa a livello di trama e di visione d’insieme (oltre che i benefici delle avventure precedenti sotto forma di potenziamento del personaggio, oggetti trovati, conoscenze acquisite, etc).

Ad ogni modo, veniamo a La città proibita.
Anche questa volta, ed evidentemente è una caratteristica della serie, le scelte disponibili per il giocatore-lettore sono relativamente poche, visto che, se si vuole portare a termine l’avventura, vi è praticamente una sola direzione di trama, dettaglio più, dettaglio meno.
Ciò inficia il valore del libro, che comunque è ben scritto e conserva la buona atmosfera del precedente…

… per quanto abbia un incedere narrativo un po’ troppo svelto, tanto che gli eventi si consumano in pochi paragrafi e anche in modo un po’ pressappochista.

Perlomeno, però, il tasso di difficoltà è tornato su livello più umani, visto che, una volta completata la precedente avventura, il giocatore ha diritto a un personaggio un po’ più “robusto”, cosa che rende questo secondo librogame assai meno difficile, numeri alla mano, del precedente.

Nel complesso, anche La città proibita è un discreto librogame, a mio avviso più per l’atmosfera di fondo che non per l’aspetto tecnico-ludico.

Fosco Del Nero


Per rimanere aggiornato con le recensioni di Libri e Romanzi, iscriviti al feed!

Titolo: Oberon il giovane mago (Grey star the wizard).
Scrittore: Ian Page, Joe Dever.
Genere: librogame, fantasy.
Editore: Edizioni E.L.
Anno: 1985.
Voto: 6.5.
Dove lo trovi: nel mercato dell’usato.


Recensione un po’ particolare quella di oggi su Libri e romanzi, giacché è la prima rappresentante di un genere narrativo decisamente particolare, di cui molti non hanno mai sentito parlare ma che è stata una delle mie passioni quando ero ragazzino: i librigame, o librigioco, se si vuole italianizzare il nome.

Per chi non sapesse di cosa si tratta, dirò che si tratta di libri, solitamente di genere fantastico e/o avventuroso, dotati di una trama e di un impianto narrativo di fondo, ma con la caratteristica di essere giocabili da chi li legge, il quale, seguendo un certo regolamento, e impersonando il protagonista della storia, può scegliere di volta in volta cosa fare e dove andare, interagendo così con la storia stessa, secondo possibilità più o meno vaste a seconda del singolo librogame.

Tali libri divennero famosi negli anni ''80, pur non essendo mancati tentativi precedenti (risalenti addirittura agli anni ''40), e lo divennero soprattutto con la collana di Lupo Solitario, rimasta difatti mitica o quasi, a cui si affiancavano peraltro tante altre serie, ognuna di un genere specifico (fantasy, fantascienza, horror, investigativo, storico, mitologico, rosa, etc) e con uno schema di gioco particolare.

Dopo un iniziale successo in Italia, che fece addirittura registrare un ritorno alla lettura dei bambini-adolescenti di allora, che viceversa si stavano avvicinando in massa a svaghi più tecnologici, la fiamma dei librigioco si spense, tanto che persino l’editore di punta, le Edizioni E.L. (dico di punta perché ad essa si affiancarono altri editori ed altre serie, comunque rimaste sempre minori), smise di stamparne… con l’imprevisto risultato di dar vita a una sorta di collezionismo delle vecchie edizioni, alcune difficilmente trovabili e venduti per cifre dai 50 ai 500 euro.

La recensione odierna si riferisce al primo libro della serie Oberon, una serie di genere fantasy, che è partita con Oberon il giovane mago, per terminare poi al quarto volume, e quindi relativamente presto (Lupo Solitario fu la più longeva, con ben 28 libri, mentre certe serie sono durate appena 1 o 2 volumi, per quanto il dato mediano era forse sui 5 libri).

Il protagonista della storia è per l’appunto Oberon, giovane mago sedicenne al quale viene affidata dai suoi mentori, i magi del popolo Shanti, una missione difficilissima: distruggere il dominio del negromante Shazarak.
Il primo passo da compiere è trovare l’antico popolo dei Kundi, gli unici a sapere dove trovare il Cancello dell’Ombra, entrata per il Mondo degli Astri, dove si trova la potente Pietra della Luna, con cui si potrà sconfiggere il mago nero.

Oberon parte così per la prima parte della sua missione…

Detto del genere e della trama sommaria, vengo ora al commento del libro: l’atmosfera è gradevole e sufficientemente convincente, e non a caso questa è una di quelle serie che è rimasta maggiormente nel ricordo dei “librogiocatori”, anche se a disdoro del libro va detto che la linea narrativa non si discosta mai dai canoni prefissati dai due autori, Ian Page e Joe Dever (quest'ultimo il creatore di Lupo Solitario), limitando molto la libertà del giocatore.

Altra cosa da dire: il livello di difficoltà, per i numeri proposti in fase di creazione del personaggio, è troppo elevato, nel senso che è davvero improbabile uscire indenni dai vari confronti e dalle varie difficoltà, persino con buoni valori di partenza.
Tali fattori minano la riuscita di Oberon il giovane mago, che comunque rimane un buon prodotto, avente peraltro alcuni spunti interessanti a livello di dialoghi e di concetti.

Fosco Del Nero


Per rimanere aggiornato con le recensioni di Libri e Romanzi, iscriviti al feed!

Argomenti