Titolo: La nuova ricchezza delle nazioni (New wealth of nations).
Scrittore: Guy Sorman.
Genere: saggistica, economia, sociologia
Editore: Longanesi.
Anno: 1987.
Voto: 6.
Dove lo trovi: qui.


Quest’oggi recensisco non un libro di narrativa, ma un testo di saggistica, e nemmeno di saggistica leggera, dato che l’argomento è di tipo socio-economico.

Il testo preso in esame è La nuova ricchezza delle nazioni, scritto nel 1987 dall’economista-sociologo Guy Sorman, che ha visitato numerosi paesi del mondo, specialmente della fascia di reddito bassa, o comunque in via di sviluppo, studiandone la situazione politica e le linee di sviluppo sociale ed economico.

In La nuova ricchezza delle nazioni, dunque, l’economista francese riporta i problemi e le soluzioni di quegli stati del Terzo Mondo da lui visitati, studiati secondo punti di forza e di debolezza.

Da tale quadro emerge una certa poliedricità di situazioni, come peraltro era attendibile, ma, e anche questo era ovvio, nessuna “ricetta universale”.

Difatti, le formule politiche ed economiche più convenienti e utili allo sviluppo sono risultate attuabili solo in quei paesi che, per circostanze storiche o motivi contingenti, erano maturi e pronti al cambiamento.

La conclusione degli studi e dell’esperienza sul campo di Sorman, proposta in questo libro, è che, quindi, non contano tanto, o certamente non solo, le manovre poste in essere dal centro e dal potere politico, ma anche e soprattutto l’humus sociale e culturale della base.

Come sempre, è la società la base di tutto, e se il terreno alla base è fertile, è facile programmare degli interventi produttivi e fecondi.

In conclusione, La nuova ricchezza delle nazioni di Guy Sorman è un testo interessante, magari soprattutto per gli studenti della materia.
Chi, viceversa, cerca letture di svago, o comunque non di genere saggistico-economico, fa bene a rivolgersi altrove…

Fosco Del Nero


Per rimanere aggiornato con le recensioni di Libri e Romanzi, iscriviti al feed!

Argomenti