Titolo: Blart (Blart: the boy who didn't want to save the world).
Scrittore: Dominic Barker.
Genere: fantasy, umoristico.
Editore: Fabbri Editori.
Anno: 2006.
Voto: 7.5.
Dove lo trovi: qui.


Diverso tempo fa avevo notato Blart di Dominic Barker sugli scaffali di una libreria e mi ero preso la briga di leggermi la quarta di copertina: si trattava chiaramente di un romanzo fantasy umoristico con protagonista un antieroe, Blart per l’appunto.

Tempo dopo, in un’altra libreria, il libro aveva nuovamente attratto la mia attenzione, ma anche allora non se ne fece niente.
Di recente, invece, i tempi sono stati maturi per la sua lettura.

Premetto che sono un appassionato del genere fantasy umoristico: uno dei primi autori fantasy che ho letto è stato Lyon Sprague De Camp (vedasi il divertentissimo Jorian re di Iraz), seguito poi da Terry Pratchett (il mitico Ciclo del Mondo del Disco) e da altri (a riguardo come non citare, anche se ci stiamo spostando dal fantasy umoristico alla fantascienza umoristica, lo strepitoso Guida galattica per gli autostoppisti di Douglas Adams?).

Anzi, io stesso, nel mio piccolo, mi sono cimentato nel genere, producendo un romanzo che mi auguro possa vedere presto la luce della pubblicazione (anzi, se siete editori, agenti letterari o talent scout inviatemi una mail e ve lo mando in lettura; per ora l'ho messo in autopubblicazione: Il Mondo Arcobaleno).

Blart di Dominic Barker si presenta subito per quello che è: un concentrato di gag umoristiche. O meglio, più di battute che di gag, giacché gran parte dell’umorismo si svolge a livello di dialogo (cosa che io preferisco).

Le prime pagine del libro sono sorprendentemente divertenti, e in generale la prima parte del testo mi ha lasciato entusiasta.

Devo dire, tuttavia, che col procedere della lettura il livello di divertimento e di coinvolgimento cala un po’, con lo scrittore che si è limitato a riproporre gli stessi schemi iniziali.

Quanto alla trama, essa è assolutamente lineare: si tratta di un viaggio che i protagonisti della storia, il mago Capablanca, il guerriero Beowulf e l’allevatore di maiali Blart, compiono per salvare il mondo dal malvagio Zoltab.

La figura più divertente del libro è ovviamente Blart, che si suppone debba salvare il mondo ma che non pare molto ansioso di farlo. Per avere un’idea più chiara del personaggio, pensate a tutto ciò che vi viene in mente di eroico: poi pensate all’esatto contrario e avrete un ritratto discretamente preciso.

In definitiva, Blart di Dominic Barker è un buon romanzo, degno rappresentante del genere del fantasy umoristico.

Fosco Del Nero


Per rimanere aggiornato con le recensioni di Libri e Romanzi, iscriviti al feed!

Argomenti