Titolo: Le cronache di Thomas Covenant l'Incredulo - Libro terzo - L'assedio alla rocca (The chronicles of Thomas Covenant, the Unbeliever - The power that preserves).
Scrittore: Stephen R. Donaldson.
Genere: fantasy.
Editore: Mondadori.
Anno: 1978.
Voto: 7.
Dove lo trovi: qui.


L’assedio alla rocca (o Assedio della rocca, che dir si voglia) è il terzo e ultimo romanzo della trilogia che Stephen Donaldson ha dedicato a Covenant l’Incredulo, dopo La conquista dello scettro e La guerra dei giganti.

In realtà, questa trilogia iniziale è stata seguita da una seconda trilogia, a coronamento dell’ottimo successo riscosso dai suddetti tre libri.

Chi ha letto le due recensioni precedenti probabilmente si ricorderà perlomeno gli elementi principali di questi romanzi di Donaldson.

Il primo è il parallelismo tra la vita reale e la vita nella Landa, la terra fantastica in cui Thomas Covenant, il protagonista, viene proiettato.

Il secondo è la figura del protagonista, che definire antieroe sarebbe eufemistico. Covenant è un reietto nel nostro mondo, in cui è malato (ha la lebbra e ha già perso diverse dita) e solo (la moglie lo ha lasciato, portandosi via il figlio).

E nella stessa Landa, in cui è considerato l’eroe di una profezia a causa della somiglianza con un antico condottiero, Berek Mezzamano (anche a lui mancavano delle dita), si dimostra pavido, vigliacco e spesso spregevole, atteggiamento da cui deriva il suo soprannome, l’Incredulo.

L’assedio della rocca racconta della terza volta in cui Covenant si materializza nel mondo parallelo (suo malgrado, giacché egli non vorrebbe andarci perché, nonostante lì sia considerato un eroe, non vuole sentire su di sé le aspettative che è sicuro di deludere).

Anche questo terzo libro della saga di Donaldson si rivela di buona fattura. La tensione maturata nei precedenti capitoli giunge a compimento, alla fine di eventi drammatici e duri.
Ma, come detto, è drammatico, triste e cinico lo stesso personaggio principale, di modo che non stupisce la tristezza che lo circonda, che è anzi perfettamente congruente.

Buon romanzo e buona trilogia, quindi, consigliabile soprattutto a chi non ama troppo i clichè tipici del fantasy e gli eroi stereotipati.

Fosco Del Nero


Per rimanere aggiornato con le recensioni di Libri e Romanzi, iscriviti al feed!

Argomenti